INPS - Domanda di Congedo di Maternità Obbligatorio - SECONDA PARTE Post Parto

12.8.13 Luisa NeoMamma On Board 0 Comments

mamma al lavoro
Ne approfitto, mentre Pupi si fa un pisolino (che durerà molto poco, ahimè), per scrivere, finalmente, questo "secondo (ed ultimo) capitolo" legato alla richiesta del congedo di maternità.


Si perché...
Non avrete mica creduto che una volta compilata la richiesta per il congedo di maternità obbligatorio, due mesi prima della data prevista per il parto, la storia fosse finita lì, vero?!

Illuse!!

Vi siete sopportate le vostre belle ore di travaglio, le contrazioni, i giorni di ospedale, avete appena iniziato a realizzare la vostra nuova vita col pargolo, vivete lo sconquasso, l'incredulità dei primi giorni a casa e non sapete dove sbattere la testa.... ma, dico, avete già firmato il certificato di nascita? Siete andate all'agenzia delle entrate a richiedere il suo codice fiscale? Al distretto sanitario per fare la tessera sanitaria e "scegliere" il pediatra? E il documento d'identità in comune? Avete già pensato a richiedere il modello ISEE da presentare per gli assegni famigliari?

NOOO?

Male. Malissimo. ;-))))
La burocrazia italiana non è clemente nemmeno con i neo-genitori, mentre questi cercano di fare il punto della situazione, nei primi giorni di vita del loro bimbo.

Io per fortuna ho Littel!!
Per lui la burocrazia è una sfida personale. Non può perdere!!
Lui gioca d'anticipo e spesso è più preparato di chi con quei moduli ci lavora ogni giorno.
Arriva in ufficio, carte alla mano. Già compilate. Ovviamente.
Io no. Io mi perdo per strada.
Odio le carte. Odio le code agli uffici.
ODIO.

Tornando alla nostra beneamata richiesta di congedo di maternità: come anticipato nel post precedente ( -> leggilo qui) in seguito alla nascita del vostro bambino, sono previsti altri tre mesi di congedo di maternità obbligatorio, per un totale di cinque mesi complessivi.

Quello che è importante che vi ricordiate è che avete solo 30 giorni di tempo per fare la richiesta, dopo che il pupo è nato!

In quei 30 giorni dovrete trovare il tempo di andare all'agenzia delle entrate e farvi rilasciare il codice fiscale provvisorio di vostro figlio, che vi servirà per compilare la domanda.
Il modulo da compilare è identico a quello fatto in precedenza, per i primi due mesi di maternità, con la sola differenza che dovrete specificare la data effettiva del parto anziché quella presunta e che dovrete inserire le generalità di vostro figlio (codice fiscale compreso).
Lo trovate sul sito dell'INPS, esattamente come in precedenza  ( -> trovi tutto qui).

Una volta compilato ed inoltrato il modulo all'INPS dovrete stamparne una copia e portarla al vostro datore di lavoro/ufficio del personale.

inps
Easy?
Sni.
Non diventate matte per niente.
Chiedete aiuto. Sempre.

Altre informazioni:

- I tre mesi di maternità post-parto scadono tre mesi dopo la data presunta del parto nel caso in cui vostro figlio sia nato prima di essa oppure tre mesi dopo la data effettiva di nascita se questa si è verificata dopo la data presunta del parto. Esempio: io avevo la data presunta per il parto prevista per il 26/04. Pupo è nato prima, il 10/04, perciò i tre mesi di maternità obbligatoria post parto sono scaduti il 26/07. Se fosse nato il 29/04 la maternità sarebbe scaduta il 29/07. Spero di essermi spiegata.

- Ricordatevi anche che non sarete licenziabili fintanto che vostro figlio non avrà compiuto il terzo anno di età. Se, come nel mio caso, non avete possibilità di richiedere altri mesi di maternità facoltativa, non avete a chi lasciare vostro figlio (e il titolare non vi agevola) e decidete di dare le dimissioni, ricordatevi che dovrete andare anche all'Ufficio del Lavoro della vostra provincia e spiegare all'Ispettore le motivazioni delle vostre dimissioni. Questo per il primo anno di vita di vostro figlio. Successivamente sarà sufficiente che presentiate le vostre dimissioni al vostro datore di lavoro e stop.
Seguimi su Facebook! Vieni a visitare il mio Shop!

0 commenti: