Non si può scrivere la mancanza, solo avvertirla.

25.2.14 Luisa NeoMamma On Board 13 Comments


aforisma

Sono giorni così: da latitante. Non tanto dal Blog, quanto da me stessa. Un po' tristi, un po' malinconici. La pioggia degli scorsi giorni di certo non ha aiutato (il ciclo neppure). Vanno presi così, senza porsi troppi interrogativi, senza troppe preoccupazioni. Sono giorni che passano. Intanto oscillo e scivolo via. Mi sento ovattata. Come quando l'aereo decolla e ti si tappano le orecchie. Oscillo di nuovo.



Per una bizzarra legge del contrappasso questi sono anche i giorni in cui lavoro di più, segnale che non è il mio fisico ad essere stanco, la mente, piuttosto. Solo stamattina (e sono le 12.26 mentre sto scrivendo) sono riuscita a: preparare il primo impasto di pane con la mia nuovississssssiiima pasta madre, rinfrescata ieri sera, riverniciare le due balconiere del terrazzo nr.1 (da bianche ora sono diventate finalmente marroni, come le volevo), piantare e rinvasare bulbi e fiori (non me ne frega niente che mi dicano che verrà freddo e che morirà tutto, io credo nella Primavera!!!), piegare il bucato asciutto e mettere a stendere quello appena lavato, lavare il terrazzo, rompere un vasetto di vetro in cucina = indi passare l'aspirapolvere per tutta la casa e cercare schegge eventuali con la mano vetro-detector. Ed ora sono pure qui a scrivere e a pensare al giveaway che sto organizzando per il prossimo mese, mentre dovrei iniziare a vestirmi per andare da mia suocera a recuperare Pupi.

Ritorno in terrazzo. Un po' di giallo qui e qualche spruzzo di viola là. Una sistemata ai ciliegi. Aggrappata a qualcosa che mi riempia gli occhi e la mente. Immagino Pupi che sguazza allegro nella sua bella piscina gonfiabile, all'ombra delle nostre splendide nuove tende (che arriveranno), sul terrazzo fiorito e colorato. So che anche quel giorno mi mancherai. Ogni giorno tu mi manchi, ma certe volte più di altre. Chi lo sa se, in realtà, è a te che rivolgeva quei suoi strani sorrisi al vuoto, mentre tutti si domandavano che cosa stesse guardando? Un refolo di vento trascina via i miei pensieri. Resto io. Dove sei, mamma? A lui racconto sempre di te, ma cosa gli dirò quando, un giorno lontano, lui mi chiederà dove sei? Io non lo so dove tu sia. Ti voglio bene.

13 commenti:

  1. Che pensieri malinconici! Forza Lu, ci siamo qui noi accanto a te!!

    RispondiElimina
  2. io non l'ho mai vissuta la perdita, la mancanza, l'assenza.
    non questa perlomeno.
    quindi non lo so. ma io credo che lei sia con te.

    RispondiElimina
  3. é dentro di te, ovunque tu sia... A me aiuta pensare che devo fare taaante cose! mica posso arrivare in celo e quando mi chieda "allora, cosa hai combinato questo tempo?" non li posso rispondere "sono stata tutto il tempo a piangere..". Un abbraccio di coraggio!

    RispondiElimina
  4. Le persone che abbiamo amato sono tutte dentro noi. Una mamma è un pezzo di noi, tu sei la sua estensione, lei è ancora qui che cammina con te.
    Ti abbraccio tanto forte!
    ♥♥♥

    RispondiElimina
  5. Capisco perfettamente quello che provi,ci sono giorni in cui il senso di mancanza è talmente forte da colpirti alla stomaco, anche dopo anni. io ho sempre spiegato a mio figlio che il nonno è in cielo e che si sono conosciuti prima che lui lo mandasse da noi e che deve imparare ad amarlo senza avere la possibilità di conoscerlo.Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Stesse domande che mi faccio anch'io... E spesso penso che se un giorno dovessi avere un figlio sarà tremendo accettare che per lui sarà solo un nome, una foto, un personaggio dei ricordi di mamma... e che noia, magari.
    Ti abbraccio forte, siamo tante - pensarlo a me rincuora, non sono sola, non sei sola.

    RispondiElimina
  7. Vi ringrazio tutte per il vostro incoraggiamento e l'affetto!Vorrei rispondervi una a una, perdonatemi se invece vi rispondo così, in un ringraziamento collettivo..

    RispondiElimina
  8. Mmmmm.....mi unisco alle altre con un forte abbraccio! E forza che ora sei mamma e devi dare! ...anche se manca tanto quel "Ricevere"!
    Con un super ritardo mostruoso ti avviso che qualcosa la puoi ricevere anche qui: http://pinkgok.blogspot.it/2014/02/ordinata-mente-nellarmadio.html#comment-form

    Baci :-)

    RispondiElimina
  9. Ti abbraccio forte Luisa <3
    Lei sarà sempre con te e terrà il suo sguardo sul piccolo, di sicuro.

    RispondiElimina
  10. Oh, cara Lu, vengo adesso dal linky party di Silvia e leggo queste parole che mi fanno piangere perchè anche io mi sento così, inoltre non ho nessuno a cui raccontare della mia mamma che è mancata poco più di un mese fa. Io so dove è la mia, è sempre vicino a me oltre che nel mio cuore. Così è la tua, le mamme proteggono sempre i figli anche quando son grandi.
    Un abbraccio cara Lu
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Sara.. e ti faccio le mie condoglianze. Mi sembra fuori luogo parlarne qui. Ti scriverò in privato.. ;-)

      Elimina
  11. Ciao Lu,
    arrivo a te passando dal blog di Carla (FirmatoCarla). Sono mamma da quasi due mesi e mi sono innamorata del tuo blog... e scopro che abbiamo alcune cose in comune: mamme, blogger e abbiamo perso una persona cara: il mio papà mi manca ogni giorno e sento ancora la sua risata nelle mie orecchie e nel mio cuore.

    Loro sono in un posto speciale e ci guardano: sorridi e sii felice sempre anche per lei.

    Un abbraccio
    Alessandra

    RispondiElimina