Oggi faccio Outing: storie di una piccola depressione Post Partum.

19.3.14 Luisa NeoMamma On Board 17 Comments

Oggi faccio Outing: soffo di una lieve forma di depressione Post Parto.

Ecco, già vi vedo!
Vi stanno scorrendo nella mente immagini di mamme che mettono i figli nella lavatrice, sulle pagine di cronaca nera dei quotidiani.. Immagino che anche quelle mamme soffrissero di forme, decisamente più gravi della mia, di depressione Post Parto. Ed è anche per questa regione che parlarne diventa tanto difficile e delicato.


Perché la società non da spazio alle emozioni negative.
Le ignora, le nasconde. 
Ed è così che nascono i mostri veri!

Sono sicura che esistano diverse forme e livelli di "gravità", per così dire, di depressione; a volte sono palesi e costanti, altre più silenti e subdole. Nel mio caso tutto è iniziato come un periodo di stanchezza psico-fisica qualunque, forse un po' sottovalutato e trascurato a causa dei tanti impegni. Da lì sono lentamente scivolata in un pozzo, silenzioso e profondo, senza nemmeno accorgermene. Non avevo tempo, né forze, né coraggio a sufficienza per curarmi di me stessa a dovere, così ho addobbato il mio pozzo: l'ho ricoperto di carta da parati dai toni allegri e spensierati, ci ho messo luci e cuscini, per starci comoda dentro.
Non è un pozzo molto profondo, a guardarlo bene, ma è pur sempre un pozzo.
L'importante sarebbe non perdere di vista la via d'uscita!

Così papà-Littel ed io ci siamo rivolti ad una specialista. Dimenticatevi la lavatrice, a me serve solamente per curare quel piccolo Hulk che è nato dentro di me, per sentirmi un po' più normale, per ricordarmi che la maternità non è tutta rose e fiori come vogliono farci credere i media.
Littel viene con me.
Lui è come il capitano del Titanic: se necessario, affonda assieme alla sua nave. ;-)
Che poi, come nave, le dimensioni le avrei pure, ma mi manca una chiglia ferrosa e robusta.

Ho voluto raccontarvi questa piccola storia: di come è cominciata, su come ce ne siamo resi conto e come abbiamo sbagliato a considerare le cose. E poi voglio raccontarvi che venirne fuori è assolutamente possibile! Bisogna avere la forza di lasciarsi aiutare.
Forse perché spero che nella rete qualche mamma, un po' in crisi come me, possa sentirsi decisamente più "normale" e "umana" leggendo le mie parole.

Ti è piaciuto questo articolo?
Segui anche la mia Pagina Facebook, per rimanere sempre aggiornata sulle ultime novità del blog!!

17 commenti:

  1. belle belle belle, tutte e due. Complimenti per il coraggio: ammettere, parlarne, manifestare non è facile. Io ci sarò, promesso !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso faccio come i sedicenni ♥♥TVB♥♥ LOL

      Elimina
  2. Brava!
    Io sono qui, pronta ad ascoltarti e a tendere una mano dal bordo del pozzo.
    Ci sono tanti tabù, troppi. Bisogna trovare il coraggio di infrangerli. Io lotto da troppo tempo col mio ma sento che prima o poi ci riesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-) una mano dal bordo fa sempre comodo, come dicevamo!!
      Se ci tendessimo una mano a vicenda sarebbe un mondo perfetto!!

      Elimina
  3. Carissima, fai bene a parlarne.
    Io non so se quella di cui ho sofferto fosse una "lieve forma di depressione post partum", però so per certo che i primi mesi sono stati pesantissimi, complici il brutto tempo, l'inverno, la difficioltà di lavorare comunque e i problemi di allattamento, ma so che senza i blog di mamme e mia mamma, sarei andata ancora più a fondo.
    Hai fatto bene a chiedere aiuto e non c'è nulla di cui vergognarsi o da nascondere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio!
      Raccontare certe cose è sempre un po' difficile.. però è come dici tu, sono sempre tanti i fattori che incidono, il tempo e la salute fisica, nel mio caso, sono stati cruciali..

      Elimina
  4. Grazie a te Lu!! Hai ideato e creato qualcosa di unico e meraviglioso ed io sono davvero orgogliosa di farne parte!! ^_^
    Vedrai, ne verrà fuori un lavoro bellissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo spero!
      Sono una grande fan della solidarietà tra donne che, ahimè, il più delle volte è pura utopia.. ma sul web siamo tutte uguali, non c'è abbastanza spazio per la competizione.. e forse un "unione" di donne blogger è possibile.. io almeno ci credo!

      Elimina
  5. E' molto bello quello che hai scritto in post, belle le parole che hai trovato, la tua forza e la tua auto-ironia. Sei una vincente, si capisce subito.
    Ti/vi seguo.
    Abbraccione!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Non so nemmeno cosa dire..
      Non mi sono mai sentita "una vincente".. io mi accontento di piccoli traguardi personali, uno alla volta.. se ci riesco, quando ci riesco ;-)

      Elimina
  6. Ne ho parlato giusto qualche giorno fa sul mio blog...il problema é capire i nostri limiti

    RispondiElimina
  7. Ciao, grazie a Kreattiva o scoperto il tuo bellissimo blog, complimenti.
    Sono la tua nuova follower. Ci vediamo, a presto: http://redecoratelg.blogspot.com.es/

    RispondiElimina
  8. wow...ti ammiro davvero molto e ti rimando a quello che ti ho scritto nella mail...<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho letta, grazie! E sono davvero felice che tu voglia partecipare all'iniziativa!!

      Elimina
  9. bell'iniziativa, complimenti.
    Ti ho risposto via mail :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Bella iniziativa, una bel raduno ci vuole ,partecipo volentieri :-)

    RispondiElimina
  11. Io ho avuto la fortuna di trovare un luogo reale -il consultorio- dove sono stata aiutata tantissimo dopo la nascita di Polpetta e ho capito sulla mia pelle quanto sia importante condividere con altre mamme le difficoltà che si affrontano dopo l'arrivo di un bambino. Che questo luogo sia reale, o virtuale come avete fatto voi, poco importa. La forza della rete è proprio questa, arrivare direttamente a casa di chi ha bisogno, con discrezione e con l'intenzione vera di tendere una mano a chi ha bisogno. Inutile dire che vi segui nell'iniziativa e vi faccio i miei complimenti!

    RispondiElimina