L'apprendimento Musicale - PAM PAM Quarteto Gordon per piccolissimi

9.5.14 Luisa NeoMamma On Board 7 Comments

Oggi voglio parlarvi di un argomento che mi sta particolarmente a cuore: la musica.
La musica ha sempre fatto parte della mia vita, anche se da ignorantona della materia! Cantavo in un coro, da bambina, ma mi sono sempre rifiutata di imparare a suonare qualsiasi strumento musicale e di leggere la musica. Per ripicca nei confronti di mio nonno, credo, che mi voleva musicista.

Però cantare mi è sempre piaciuto e a casa nostra la musica non manca mai!
Ho sempre cantato a Pisto, dal giorno in cui è nato. Per lui canto, fischietto, ballo e lui mi ripaga sempre con giganteschi sorrisi.

Potete dunque intuire il mio imbarazzo quando mi è stato chiesto di recensire questo meraviglioso CD, io che di musica ci capisco veramente un'H... come si suol dire...

Ringrazio profondamente Arnolfo Borsacchi, insegnante dell'Audiation Institute, per avermi dato la sua fiducia e avermi concesso questa speciale opportunità.

Il CD che Pisto ed io abbiamo avuto il piacere di ascoltare è: PAM PAM - Canto senza Parole - Quarteto Gordon per piccolissimi.

cdSi tratta di un percorso musicale di 17 brani, che introduce all'esperienza dell'ascolto condiviso con i propri bambini, attraverso una progressiva stimolazione armonica e ritmica, con brani "senza parole".
E che vor dì?
Alcuni dei brani sono composizioni originali mentre altri sono arrangiamenti di brani "classici" e sono effettivamente "cantati" con sillabe prive di significato, a cappella. 

Per addentrarsi adeguatamente nell'esperienza dell'ascolto condiviso è necessario creare uno spazio accogliente, sospendere l'uso del linguaggio ed ascoltare alcuni brani del repertorio, lasciando noi stessi e i nostri bambini liberi di interagire con la musica e il ritmo.

Come vi dicevo, non sono la persona più indicata per farvi una recensione di tipo tecnico, ma posso (e desidero) condividere con voi la nostra esperienza e le mie personali sensazioni.
Per altro, ho provato a fare diversi filmati e prove di video, ma finora ho avuto scarsissimi risultati.: appena azionavo la videocamera smetteva di muoversi oppure si interessava esclusivamente a quella..
Ma ritenterò!!

intro
intro

Ma veniamo a noi!
Ad un primo ed iniziale ascolto Pisto era visibilmente preoccupato, quasi spaventato e prossimo al pianto, a causa del fatto che ad emettere quei suoni, che lui riconosceva come voci umane, non fossi io: mi guardava perplesso, senza riuscire a comprendere chi fosse a cantare.

Così ho sospeso l'ascolto, per evitare che associasse a quel tipo di esperienza un'emozione negativa, riproponendogliela qualche giorno dopo.

Nuovamente perplesso ed accigliato; allora ho iniziato a battere le mani a ritmo con la "musica" e lui si è subito tranquillizzato. Con un po' di pazienza (per pazienza intendo alcuni giorni di prove.. ) si è abituato al tipo di musica, iniziando a battere anche lui le manine. Poi ha voluto alzarsi in piedi e "ballare", così come fanno i piccoli, ciondolando il suo sederone da una parte all'altra. A muovere latesta su e giù.
introUno spettacolo per gli occhi e per il cuore di mamma!!! ;-)

Da lì in poi ha effettivamente iniziato ad interessarsi ad ogni oggetto come  possibile "strumento musicale": abbiamo scoperto che su ogni superficie si possono battere le manine, producendo un suono differente.. che ogni oggetto, se buttato qui e là, fa un tipo diverso di rumore.. a fare suoni con le labbra, come ad imitare i brani ascoltati.

L'ascolto di brani così apparentemente semplici ha stimolato gradualmente il suo interesse per il ritmo e il suono che produce il mondo che lo circonda e che lui stesso, a sua volta, è in grado di produrre.

E' stata una bellissima esperienza, così ricca e profonda quanto semplice e naturale, che consiglio davvero a tutti.

Per questa ragione mi sento in dovere di ringraziare ancora una volta, di vero cuore, Arnolfo! Grazie da parte mia e di Gabriele!

Spero di riuscire a fare un video come si deve prossimamente: a quanto pare la collaborazione da parte della videocamera l'ho ottenuta, ora mi manca solo quella di mio figlio! ;-)

Per tutte le informazioni sulla formazione e sull'apprendimento musicale secondo la Music Learning Theory di E.E. Gordon e sul Quarteto Gordon, autore del fantastico CD di cui vi ho appena parlato:

https://www.facebook.com/quartetogordon
http://www.audiationinstitute.org/

[[post sponsorizzato]]
Ti è piaciuto questo articolo?
Segui anche la mia Pagina Facebook, per rimanere sempre aggiornata sulle ultime novità del blog!!

7 commenti:

  1. Davvero un'idea interessante ed originale questo CD!
    Anche a me piacerebbe avvicinare i miei bimbi al mondo della musica nel miglior modo possibile!
    Attendo il video! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Koko il CD è acquistabile anche online!!

      Elimina
  2. Che bel modo di approcciarsi al mondo della musica da piccolini!!!! Anche perché la musica stessa fa parte di noi, del mondo di ogni giorno e riconoscerla negli oggetti e nei rumori che ci sono familiari è una stimolazione sensoriale meravigliosa ^_^
    Grazie dei link ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla!Per noi è stata una bellissima esperienza..peccato solo che questa scuola, in particolare, sia lontanuccia da noi due... ;-)

      Elimina
    2. Vicino a Trieste, pero', abbiamo una collega che tiene gli stessi corsi a Monfalcone e dintorni... :-)

      Elimina
  3. Grazie per il consiglio! Ne terrò sicuramente conto per i prossimi regali ai miei bambini. Noi amiamo la musica e i cuccioli, anche grazie al babbo che suona la chitarra, hanno da sempre avuto un contatto molto intimo con essa...sin da dentro la pancia. Abbiamo alcuni cd che ascoltiamo sempre con tanto piacere, in particolare quelli della serie Ma che Musica! e uno di vecchie canzoni popolari e filastrocche tradizionali facente parte del progetto Nati per la musica.
    La musica è un ottimo mezzo per stimolare la riflessione sul mondo circostante e sul sé, per rilassare la mente e il corpo e per potenziare la naturale attitudine dei bimbi alla fantasia e alla creatività.
    grazie ancora per lo spunto.!

    RispondiElimina