La potenza di uno sputo - quelle cose che solo i bambini possono!

14.7.15 Luisa NeoMamma On Board 2 Comments

Ci sono quelle cose che solo i bambini sono in grado di fare, lasciandoci basiti, speechless.

Questa mattina, complice una mini crisi di pianto nel momento in cui papà è andato a lavorare, ho deciso di provare a fare colazione giocando, per risollevare gli animi (e salvare la giornata). Ho preparato il latte e i biscotti e mi sono seduta a terra, in cameretta, mentre Gabri montava la pista del trenino. Missione compiuta con successo. Siamo all'ultimo boccone quando, mentre gli porgo il cucchiaio col biscotto, bello inzuppato di latte e cioccolato.. quando..

EEECCIIUU'

uno

EEECCIIUU'

due

Ottimo. Resto un attimo impietrita, poi mi guardo attorno. Francamente non ricordavo  di aver acquistato mobili pezzati, stile dalmata - o frisona, a seconda dei gusti. Il muro, quello almeno si è salvato, grazie a Odino!! Intanto ho dovuto lavare quattro cassetti, un'intera anta dell'armadio, il pavimento, me, lui e fare una lavatrice ai nostri pigiami e alle lenzuola del letto. E il pavimento è rimasto pure bello appiccicoso, per l'occasione!

Certe cose, solo i bambini possono!

non sono stato io

I RUTTI, quelli subito dopo la poppata. Quelli che fanno tremare le pareti di casa e suonare alla porta i vicini. "Avete iniziato la ristrutturazione della veranda? No, mi pareva di aver sentito dei rumori..!"

I PROTTI ("prò tti"- la produzione assolutamente rumorosa, possibilmente maleodorante, di gas dall'intestino crasso) vergognevoli. Rilasciati possibilmente in un luogo pubblico, bene affollato. Raggiungono la loro massima espressione in occasioni particolari, come una cerimonia o una cena tra vecchi amici. L'unica salvezza è darsi alla macchia. Quando la fuga non è possibile.. mamma incassa e arrossisce in silenzio. Anche se dicesse la verità, cioè che non è stata lei a mollarla.. nessuno crederebbe mai che ad emettere un tale rumore possa essere stato un minuscolo esserino dal'aria così terribilmente angelica.

Vogliamo parlare della CACCA? Ma sì, parliamone, dato che siamo in vena di finesse!! Avete presente quelle occasioni, non rare, in cui l'ignaro genitore si appresta a cambiare il figlio, senza sapere che di lì a pochi istanti la sua vita, la sua casa, i suoi vestiti, le sue narici si riempiranno letteralmente e inesorabilmente di un'ondata di cacca molliccia e puzzona...!??? Di quella che si nasconde, felina, appena sotto il bordo del pannolino a aspetta solo il momento giusto per tendere un agguato?! Oppure quella che strasborda dagli argini, con la potenza di uno tsunami e arriva giusto, giusto fino sotto alle ascelle.
Alzi la mano chi non si è mai domandato: "Dove diavolo ci starà tutta quella "roba", dentro ad un pupo così piccolo!??" - " E adesso? Come lo tengo??".

Finché i nanetti sono piccoli si limitano ad emettere le loro piacevolezze, senza preoccupazione alcuna.. ma poi, quando diventano più grandicelli ed iniziano ad accorgersi delle espressioni sconvolte degli adulti intorno a loro, imparano subito a fare quelle faccette... proprio quelle lì, che non sanno se farci andare in bestia oppure scompisciare dalle risate... quelle che proprio non sai cosa fare e che dicono chiaramente "Non sono mica stato io, mamma! Non vedi come me ne sto qui buono, buono...!!?".

E son soddisfazioni.
LOL

LUISA ;-***

2 commenti:

  1. ah ah ah...mi hai fatto scompisciare !!!Hai proprio ragione e ho ben presente quelle "faccette da santerellino!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-))) Diventa complicatissimo riuscire a non ridere!!

      Elimina